PD

Richetti: “Su fake news 5Stelle ipocriti: denuncino i siti di bufale a loro vicini”

By on dicembre 7th, 2017

“Sulle fake news esplode lo scontro Pd-M5S. Eludendo le domande dei democratici sui rapporti del Movimento 5 Stelle con i siti che diffondono fake news in Italia, Luigi Di Maio tenta di sparigliare e chiama in causa l’Osce.

Il candidato premier M5S aveva già provato a chiedere l’intervento dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa durante le elezioni siciliane, paventando brogli. E ieri ha fatto lo stesso appello legandolo al pericolo delle fake news: «Il problema esiste e il monitoraggio dell’informazione e del dibattito politico da parte dell’Osce durante la campagna elettorale per noi è necessario. Abbiamo sperimentato sulla nostra pelle cosa significhi essere oggetto di notizie false, io stesso ne sono stato vittima anche sui quotidiani e sui tg».

Ma il Pd ribatte, con Matteo Richetti: «Ci sono pagine non ufficiali legate al Movimento 5 Stelle e alla Lega che creano contenuti falsi con il tentativo di generare determinati comportamenti, aiutando le forze antisistema con una continua delegittimazione della politica. Tutto questo è un pericolo per la democrazia. È ridicolo che Di Maio invochi l’Osce, dovrebbe invocare la responsabilità».

Il portavoce dem invita il M5S a fare come il Pd, «denunci a Facebook questi siti». E ha un sospetto ancora più pesante: «È una clamorosa ipocrisia che i 5 stelle dicano che loro non c’entrano, perché si tratta di soggetti più o meno riconducibili a loro».
Richetti cita l’inchiesta del New York Times che – grazie a un report dell’italiano Andrea Stroppa (consulente di Renzi per la cybersecurity) – dimostra come alcuni siti di informazione della galassia 5 stelle (Info a 5 stelle e Video a 5 stelle) abbiano gli stessi Google id di “Noi con Salvini”: lo spin dottor della Lega, Luca Morisi, ha parlato con il Times di una sorta di incidente:

«Una persona che ci ha aiutato a mettere su il sito, un simpatizzante M5S, ha copiato i Google id che aveva già usato per quelle pagine».
Ma il mistero resta. Le visite a quei siti e gli introiti pubblicitari vanno a un’unica persona che rimane sconosciuta. E sono in comune con altri siti come Io sto con Putin.info e Stop euro.
I contenuti viaggiano soprattutto su Facebook che a Repubblica dice, attraverso Laura Bononcini, head of Public Policy: «Abbiamo una squadra numerosa che lavora per sostenere l’integrità delle elezioni in tutto il mondo e le elezioni in Italia sono una grande priorità. Ci assicureremo che i partiti politici e le autorità competenti possano contattarci per segnalare qualsiasi attività che ritengano infranga la legge italiana o gli standard della Comunità di Facebook. E avremo un team qualificato pronto a gestire le segnalazioni e a prendere le misure appropriate».
È la conferma che è in arrivo una task force apposita per il nostro Paese. A dimostrazione dell’impegno di Facebook sono state oscurate due pagine con milioni di like sospettate di diffondere fake news e citate da una recente inchiesta di Buzzfeed.
Quanto ai 5 stelle, a lanciar loro accuse pesanti non è solo il Pd. Massimo Artini – deputato espulso dal Movimento – parla di «evidenti connessioni del M5S con l’Est Europa».
«Basti vedere come hanno reagito quando Di Maio ha fatto visita al dipartimento di Stato americano, affrettandosi a rassicurare sul fatto che sono amici della Russia e contrari alle sanzioni per Mosca. Fonti attendibili dice Artini, che però non rivela chi siano e non mostra prove – mi hanno detto che chi gestisce la comunicazione del M5S ha ricevuto finanziamenti da quei Paesi».


Le 4 fake news più condivise in Italia nell’ultimo anno

Renzi, Putin e i mondiali.
3 milioni di visualizzazioni su Facebook.

Putin attacca Renzi e la nazionale: “Adesso è il momento di cambiare anche governo”

I profughi in convento
380.349 interazioni social.
Suore che ospitano immigrati per secondi fini

Immigrato violenta bambina
161,464 interazioni per l’ennesima bufala sui migranti

Temistocle, il cugino della Boldrini
125,884 condivisioni per il fantomatico cugino della presidente della Camera, parcheggiatore al Senato con stipendio di 30mila euro al mese

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

PD di BAGNOLO IN PIANO

Benvenuto nel sito del Partito Democratico di Bagnolo in Piano. In questo spazio puoi trovare le nostre proposte politiche, le nostre iniziative, la nostra struttura organizzativa, i nostri numeri, i nostri dirigenti. E’ uno spazio aperto al confronto di tutti coloro che hanno qualcosa da dire sulla politica, sui problemi concreti delle nostre comunità.